CARHARTT WIP

IN BREVE
  • Fondato nel   1889   di   Hamilton Carhartt e 5 dipendenti.
  •  Carhartt ha iniziato a produrre tute e pantaloni da lavoro in cotone pesante per gli operai di Detroit.
  • Nel 1994 , Edwin Faeh fondò il suo progetto “Work in Progress” e divenne il primo distributore di Carhartt in Europa.
  • Combinando il successo sul mercato e la ricerca originale di Hamilton per abiti di alta qualità e resistenti, gli  anni 90  hanno visto il marchio Carhartt WIP diventare un riferimento nello streetwear.

LA STORIA

Carhartt, Inc è un marchio di abbigliamento statunitense fondato nel 1889. È ancora un’azienda a conduzione familiare, di proprietà dei discendenti del fondatore Hamilton Carhartt, con sede a Dearborn nel Michigan.

Nel 1889, Hamilton Carhartt e 5 dipendenti iniziarono a lavorare in un polveroso vecchio attico nel cuore di Detroit e, con 4 macchine da cucire, gettarono le basi per una delle più grandi storie di successo del Sogno Americano.

Carhartt ha iniziato a produrre pantaloni e tute di cotone pesante destinate agli operai di Detroit.

A quel tempo, Detroit era il centro industriale dell’America e c’era naturalmente molta richiesta di abbigliamento per il lavoro comodo e resistente.

L’etichetta “Union Made”, accompagnata dal logo dell’anatra cucita all’interno di ogni capo Carhartt, era sinonimo di qualità e garantiva che erano stati prodotti con cura e qualità dalle mani di Carhartt. 

In breve tempo quasi tutti gli operai di Detroit vestivano una tuta o un paio di jeans Carhartt. Era diventato un’icona al punto che, per loro, acquistare ed indossare Carhartt, significava anche sostenere una forza lavoro sindacalizzata che fosse trattata equamente e pagata bene, un ethos che costruivana la reputazione del marchio stesso.

Il marchio venne fondato per produrre abbigliamento da lavoro per gli operai delle ferrovie, nel pieno della rivoluzione industriale del ferro e delle locomotive.

Hamilton Carhartt iniziò a produrre tute da lavoro con sole due macchine da cucire ed un motore elettrico in un esiguo loft di Detroit. Tuttavia, visti i primi fallimenti, iniziò a svolgere diverse ricerche sulle reali necessità degli operai delle ferrovie, strategia che lo portò alla realizzazione di un prodotto che soddisfò le esigenze dei lavoratori: la salopette Carhartt,  simbolo dell’azienda, che portò ad uno standard estremamente alto l’abbigliamento da lavoro.

Nel corso del tempo, i prodotti Carhartt svilupparono delle caratteristiche distintive, intese a estenderne la resistenza, tra cui l’uso di filati robusti, rivetti di rinforzo nei punti di maggiore stress e una gamma di materiali ad alta tecnologia, resistenti alle fiamme, alle abrasioni o all’acqua. Fino ad oggi, l’abbigliamento Carhartt si trovava comunemente in siti non metropolitani, come fattorie, ranch, ecc.

Nel 1910 era già cresciuta tanto da avere strutture di cucito a Dallas, Atlanta, Detroit e San Francisco.

Successivamente si espanse a livello internazionale, prima in Canada e poi con una struttura a Parigi.

Durante i noti conflitti mondiali, Carhartt si impegnò a sostenere il paese fornendo strutture per la produzione delle uniformi dell’esercito. Oltre alla salopette, molti capi della linea odierna hanno radici storiche, come il cappotto storicamente noto come “Engineer Sack Coat” risalente al 1953. (Foto a lato)

Nel 1929, il crollo del mercato azionario fu disastroso per l’azienda, che ha rischiato la chiusura. Mantenere viva l’attività è una testimonianza della tenacia, passione e ingegnosità dimostrate da Hamilton e dai suoi figli in quel periodo. Nonostante le sfide poste dalla Grande Depressione, Carhartt ha continuato a sostenere con tutto il cuore i diritti dei lavoratori.

Alla morte del fondatore nel 1937, il figlio Wylie prese le redini della compagnia, il cui lavoro fu determinante per l’espansione dell’attività familiare e per l’ampliarsi della linea di abbigliamento.

Cruciale per la produzione fu poi l’acquisto del primo impianto di produzione moderno, avvenuto nel 1972, grazie al quale fu possibile aumentare esponenzialmente la produzione. Nel 1975, fu introdotta la giacca con cappuccio soprannominata “Active Jacket”, che rimane la giacca più venduta per Carhartt oggi.

CARHARTT WIP OGGI

Durante gli anni ’70, gli ordini massicci per la costruzione dell’Alaska Pipeline hanno contribuito a far crescere il marchio e Carhartt ha dato prova della robustezza e durevolezza dei suoi prodotti.

Il marchio Carhartt è diventato popolare tra i consumatori al di fuori degli operai durante gli anni settanta e ottanta, con il diffondersi dello streetwear: sempre più persone hanno iniziato a conoscere questa azienda quando le grandi personalità dell’industria musicale hip hop hanno iniziato a indossare Carhartt.

L’interesse si espanse poi in tutta Europa, portando alla creazione dell’etichetta Carhartt Work In Progress nel 1989,  che si rivolge ai consumatori in Europa e in Asia che apprezzano i dettagli raffinati, sebbene il design rimanga fedele al modo di essere dell’azienda America. Dal 1994, WIP diventa il distributore ufficiale in Europa.

Il maggiore potenziale del mercato europeo non solo era legato al mondo del lavoro, ma avrebbe permesso al marchio Carhartt di diffondersi anche come abbigliamento da indossare tutti i giorni.

Presto furono prodotti colori e stili esclusivi per l’Europa. Con il distinto stile americano di Carhartt, i progetti WIP hanno attirato di più la sensibilità europea. Si è notato che l’etichetta veniva distribuita principalmente a negozi di skate e negozi indipendenti. Carhartt si è evoluto da un marchio All American in un vero e proprio punto di riferimento per lo street wear.

Gli anni ’90 hanno visto un aumento di interesse e popolarità per supportare l’arte di strada indipendente e la scena musicale. Mentre le sottoculture giovanili urbane decollavano, Carhartt WIP divenne il marchio di riferimento per i suoi esponenti. Avendo sponsorizzato la scena, i suoi progetti emergenti ed i suoi protagonisti  per anni,  Carhartt  aveva attuato un’ingegnosa strategia di marketing.

La presidenza del pronipote di Hamilton, Mark Valade, introdusse l’azienda alla globalizzazione, predisponendo operazioni europee e avviando la campagna pubblicitaria della Carhartt su Internet.

Egli ha lanciato dozzine di negozi al dettaglio di proprietà di Carhartt, una linea completa di prodotti da donna e una linea di indumenti ignifughi di grande successo.

Nel 2013, Linda Hubbard ha assunto il ruolo di presidente, diventando così il primo membro non della famiglia a ricoprire questa carica. Mark Valade è ancora amministratore delegato.

Con determinazione e visione imprenditoriale, Hamilton e le successive tre generazioni della famiglia Carhartt hanno creato un marchio che ha superato la prova del tempo raggiungendo il successo.

Carhartt WIP è riuscita a capire come investire in arte, in movimenti culturali musicali e su un pubblico di utenti Urban.

Combinando il sostegno alla scena e la ricerca originale di Hamilton per abbigliamento di alta qualità, Carhartt è diventata un punto di riferimento nel settore dell’abbigliamento Streetwer e da lavoro. 

Le collaborazioni con i Big del fashion system non sono venute a mancare durante questo percorso: da Vetements a Converse fino a passare per Nike, fragment design, GORE-TEX e moltissimi altri. Anche la relazione con il mondo della musica e la realtà street non è mai terminata; ancora oggi infatti, artisti come Tyga, Kanye West, Drake, A$AP Freg e A$AP Rocky prediligono capi Carhartt, indossandoli durante le passeggiate outdoor o per i live dei loro concerti.

Carhartt è presente in molti negozi fisici ed in negozi on-line come il nostro, dove nella sezione Carhartt è possibilie acquistare gli articoli più iconici.

Speriamo di aver dissetato la tua voglia di curiosità con informazioni dettagliate, ti ricordiamo di aggiungerci sui nostri canali social sempre aggiornati, e se hai richieste particolari, puoi contattarci tranquillamente, sapremo prenderci cura delle tue esigenze. Un caloroso saluto! BLESS U

Fred

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Add to cart